.
Annunci online

 
tredlibero 
L' ultimo vero porto della verita'.
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

"NO ONE KNOW WHAT IT'S LIKE

 TO FEEL THIS FEELINGS

 LIKE I DO

 AND I BLAME YOU"


 

Diario |
 
Diario
19588visite.

27 dicembre 2004

Un'altra volta

Un'altra volta e' notte e suono, non so nemmeno io perche' motivo ...


Eccomi qua, un'altra volta, a scrivere. Non so bene perche',ma forse non ti offendi se ti dico che e' piu' per me che per te che stai legendo. Non dovrei essere qui adesso, dovrei stare fuori casa, nonostante la pioggia, come al solito, ma un il amico a deciso di darmi buca sta' volta, ed eccomi qua'. Capita no ? Sara' capitato anche a te no ? Probabilmente il mio posto e nel mio letto caldo, con la lampada accesa e un buon libro a tenermi compagnia, vista l'ora e il fatto che sono stanco e ho un po' di febbre. Eppure eccomi qua, "Un' altra volta", come il titolo del mio articolo. Anche l'ultimo svotino si e' spento, e gli occhi si socchiudono quasi da soli, ma non ho ancora voglia di coricarmi, ho ancora tante cose da raccontare(per chi vuole ascoltare e a culo tutto il resto dirai) eppure queste cose non escono, restano, come al solito. Come al solito finisco per tenermi tutto dentro: parlo, parlo, ma le mie parole sono vuote. Le vere parole, sassi affilati come lame, frecce pronte da scagliare, gocce di lacrime salate, covano ammuffendosi dentro uno scrigno che non credevo fosse cosi' duro. Oddio non ce la faccio piu', non andro' avanti ancora per molto. Probabilmente non leggerai mai questo che sto' scrivendo, ma io avevo ugualmente bisogno di scrivere. Ti sto' annoiando e' ? Non ti ho detto nulla ...E che ti aspettavi ? Qualche errore di calligrafia, frasi sconnesse, periodi intorrotti. E poi piu' nulla ...


 


 




permalink | inviato da il 27/12/2004 alle 1:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

21 novembre 2004


AUTOSTOP, AUTOSTOPPISTI E AUTOSTOPPATI.

Se c'e' una cosa che mi gratifica, che mi solleva, che mi rilassa dopo una Settimana di scuola e' il Sabato di Autostop. Sei tu contro tutti. La tua unica arma ? Il pollice. Sguainato come una spada, quel nobile gesto di richiesta da anni e' il simbolo degli autostoppisti  di tutto il mondo. Ma da cosa si distingue un Vero Autostoppista da uno mediocre ? Tante cose. Per prima cosa quello mediocre spera in un colpo di fortuna, un conoscente, un amico. Il Vero Autostoppista invece punta tutto sulla tecnica, sullo stile. Ogni giorno cerca di migliorarsi, di affinare il suo metodo per risultati sempre migliori. In secondo luogo, il Vero Autostoppista, e' saggio: come l'abile pescatore, sa trovare nello stesso tempo il luogo e l'attimo giusto per prendere la sua preda. Cosa invece difficile per l'Autostoppista occasionale. Inoltre l'abilita' del Vero Autostoppista sta' anche nella sua espressivita'. I piu' bravi riescono persino a cambiare espressione in base all'auto che si dirige verso di loro. In pochi istanti l'Autostoppista bravo puo' essere stanco, allegro, depresso, fiero, umile. L'Autostop e' delusioni, avvetura, rischio. Questo l' Autostoppista lo sa, ma continua ugualmente per la sua strada. E poi non tutti conoscono quella senzazione che si prova nel l'ambito passaggio, dire :"ce l'ho fatta", e poi girarsi verso quei timidi e spauriti volti degli aspettatori di quel lento e senza glorie Pulman e poter dire :" andate a fanculo tutti, sono io il Re dell'Autostop" !




permalink | inviato da il 21/11/2004 alle 13:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

19 novembre 2004


Oh che bellezza, finalmente trovo il tempo di scrivere qualcosa. Sti' giorni so stati duri: un sacco di avvenimenti mi hanno toccato da vicino, mi hanno scosso, mi hanno ferito. Non vi voglio annoiare con le solite frasi tipo la vita e' dura, la vita e' ingiusta etc etc..Non e' da me. Non ho mai pensato cose del genere. Credo infatti che ha volte la vita ci sembra dura perche' siamo proprio noi che la rendiamo tale. I nostri"problemi" sono quelli che ci inventiamo, ogni giorno. Allora perche io, che so queste cose, che le capisco, non riesco a sbloccarmi ? A trovare una via di fuga da quel labirinto in cui mi sono gettato, da solo, con le mie stesse mani, e da cui non riesco piu' ad uscire. Forse perke' non mi confido, perke' mi tengo tutto dentro, forse tendo a nascondere i miei pensieri anche a me stesso. Ho bisogno di una pausa, ma non una pausa silenziosa o riflessiva, sarebbe inutile, anzi, forse servirebbe solo a peggiorare il mio stato d'animo. Chissa' se queste mie parole verranno mai lette, comprese. A me comunque e' servito scriverle  e tirare fuori almeno una parte di cio' che mi affligge. Sono sicuro che presto ritornero' ad essere me stesso: spensierato, felice, "incasinato". Ma ora vi sto' annoiando con pensieri che probabilmente vi risulteranno in parte incomprensibili o troppo semplicei, o stronzate.Ciao, ciao, ciao il vostro timido,sentimentale, idiota

                                                                                                     Riccardo




permalink | inviato da il 19/11/2004 alle 21:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

28 settembre 2004





permalink | inviato da il 28/9/2004 alle 20:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

27 settembre 2004


 


 


 

 


A FRANCESCA



 



Dopo tanto essere stato lontano dal Blog, torno tra voi. DEDICO QUESTA CANZONE ALLA MIA AMICA FRANCESCA . Come minimo te lo devo Francè, Smack



                                                                                                           Tred



Hey you, see me, pictures crazy
All the world I've seen before me passing by
I've got nothing, to gain, to lose
All the world I've seen before me passing by
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
Hey you, are me, not so pretty
All the world I've seen before me passing by
Silent my voice, I've got no choice
All the world I've seen before me passing by
You don't cae about how I feel
I don't feel it any more
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
I don't see, anymore
I don't hear, anymore
I don't speak, anymore
I don't feel
Hey you, see me, pictures crazy
All the world I've seen before me passing by
I've got nothing, to gain, to lose
All the world I've seen before me passing by
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
You don't care about how I feel
I don't feel it any more
I don't sleep, anymore
I don't eat, anymore
I don't live, anymore
I don't feel




permalink | inviato da il 27/9/2004 alle 17:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

18 maggio 2004





permalink | inviato da il 18/5/2004 alle 16:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

17 marzo 2004


 


 


 


 


 


 


 


 


 

 

 

 

 


 


Scala per il paradiso
 



C'è una signora che è sicura
che sia oro tutto quel che luccica
e sta comprando una scala per il paradiso
quando vi arriverà sa
che se tutti i negozi sono chiusi
con una parola può ottenere ciò per cui è venuta
e sta comprando una scala per il paradiso



c'è una scritta sul muro
ma lei vuole essere sicura
perché, come tu sai, talvolta le parole hanno due significati
su un albero vicino al ruscello
c'è un uccello che canta
talvolta tutti i nostri pensieri sono sospetti
e questo mi stupisce
e questo mi stupisce



c'è una sensazione che provo
quando guardo a Ovest
e il mio spirito grida di andarsene
nei miei pensieri ho visto
anelli di fumo attraverso gli alberi
e le voci di coloro che stanno in piedi ad osservare



oooh e questo mi stupisce
oooh e questo mi stupisce davvero



e si mormora che presto
se tutti noi intoniamo la melodia
il pifferaio ci condurrà alla ragione *
e albeggerà un nuovo giorno
per coloro che aspettavano da lungo tempo
e le foreste risponderanno con una risata



e questo mi stupisce



Se c'è trambusto nella tua siepe
non ti allarmare
è solo la pulizia di primavera per la festa di Maggio



sì, ci sono due strade che puoi percorrere
ma a lungo andare
c'è sempre tempo per cambiare strada
e ciò mi stupisce



la tua testa ti ronza e il ronzio non se ne andrà
nel caso tu non lo sapessi
il pifferaio ti sta chiamando per unirti a lui
signora cara, può sentire il vento soffiare?
e sapeva
che la sua scala è costruita sul vento mormorante?



e scendiamo in strada
le nostre ombre più grandi delle nostre anime
là cammina una donna che noi tutti conosciamo
che risplende di luce bianca e vuole dimostrare
come qualsiasi cosa si tramuti in oro
e se ascolti molto attentamente
alla fine la melodia verrà da te
quanto tutti sono uno e uno è tutti
per essere una roccia e per non rotolare via



e sta comprando una scala per il paradiso




permalink | inviato da il 17/3/2004 alle 20:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

28 febbraio 2004


Speranza

Il sole e' là, che stà tramontando. Mentre scende lo chiamo, e gli chiedo dove stia andando. Lui mi risponde che va a svegliare la Terra oltre l' oceano, la Terra dove adesso sta' dormendo lei, il mio angelo, la mia stella. Prima che vada gli affido un bacio, il piu' sincero e tenero dei baci e gli dico di portarlo alla mia bella, che al suo risveglio coprira' la luce stessa del sole e il cui dolce sorriso colmera' il mio cuore.

                                                                               Tred




permalink | inviato da il 28/2/2004 alle 20:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

26 febbraio 2004


'Diario di un disperato



Qualcuno dice che ogniuno di noi ha un destino. Questo destino preserva per ogniuno di noi, ancora prima di nascere, un anima gemella, la meta' che deve completare il nostro ego. Io credo nel destino. A volte pero' questo e' crudele, o forse solo sbadato. E questo purtroppo l'ho scoperto a mie spese. Anch' io, infatti, ho un anima gemella, una meta'. Finalmente l'ho trovata. Purtroppo pero' il destino ha commesso un errore: la mia meta' e' nata 7 anni prima la mia venuta al mondo e si trova ora a piu' di 7 mila km da me. Perche' ? Perche' proprio a me doveva fare una cosa simile ? Sono disperato ... Maledetto. Maledetto destino.



                                                                  




permalink | inviato da il 26/2/2004 alle 20:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

4 dicembre 2003


3° articolo dedicato a Bibiz (complimenti) (leccata)

Grande Bibiz ! Finalmente ce l'hai fatta a passa' sto' quiz ! Sei un mito ! Il piu' grande ! Non c'e' nessuno come te ! Stai proprio bene con quei capelli, e poi da quando vai a scuola-guida sei anche dimagrito o mi sbaglio ?! Beh i 18 anni fanno molto piu' carismatico non trovi ?! Che dici mo' me lo merito un 1° posto nella tua lista vero ? (tu sai quale) Non dirmi di no mi raccomando ! Dopo tanto lecc... emm volevo dire, " elogiare le tue qualita' " lo pretendo ! GRANDE BIBIZ !

p.s.                                                                                                                                        Come fai ad essere sempre cosi' elegante ?!




permalink | inviato da il 4/12/2003 alle 15:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre